Cosa significa “Score Programming” e “Virtual Orchestrator”?

tutorialvideo.it

Cosa significa “Score Programming” e “Virtual Orchestrator”?
Lo “Score Programming” e “Virtual Orchestrator”, è una figura professionale che utilizza software di notazione musicale e librerie campionate per realizzare “esecuzioni virtuali credibili”.

 

A cosa servono le “esecuzioni virtuali” delle partiture?
Le “esecuzioni virtuali” sono utili, e a volte indispensabili, per realizzare delle versioni DEMO per un balletto inedito. In questo modo è possibile inviare la versione virtuale al corpo di ballo, in modo che il coreografo possa decidere che tipo di coreografia attuare, prima di provare con l’orchestra vera e propria.

In altre occasioni potrebbe essere richiesto l’uso di basi per spettacoli teatrali o altre occasioni.

Anche per la realizzazione di partiture e musica per Film, Documentari, Pubblicità ecc…

 

Che competenze ci vogliono per diventare uno “Score Programming” e “Virtual Orchestrator”?
Per diventare un professionista “Score Programming” e “Virtual Orchestrator” è indispensabile avere competenze musicali, di composizione, di orchestrazione e di arrangiamento. Parallelamente ad una padronanza dell’uso di software musicali di notazione e di sequencer, conoscere le librerie campionate e la loro programmazione attraverso i software dedicati per il loro utilizzo e una conoscenza dei processi di mixaggio, di acustica, livelli e dB in analogico e digitale.

 

Che sbocchi professionali ci sono?
E’ possibile lavorare come assistenti di compositori per il cinema o per il teatro e video game, oppure all’interno di trasmissioni televisive, studi di registrazione, per siti che offrono servizi di basi per lo studio di “Arie liriche” di Opere, basi di canzoni Pop, Rock, video aziendali, pubblicitari, ecc…
Oppure per uso personale.

 

Per intraprendere questa formazione, che competenze bisogna avere?
Se si possiede già una competenza compositiva (scrittura per orchestra, ensemble, canzoni Pop, Rock ecc..), nozioni di base riguardo l’audio analogico/digitale, acustica e un uso di base dei software digitali, è un buon punto di partenza.

 

E’ possibile incominciare da “zero”?
Sì, anche se in questo caso, se si comincia senza saper leggere la musica, il percorso diventa molto lungo, i tempi dipendono dalla velocità di apprendimento personale e il tempo che ci si può dedicare.

Quanto tempo è richiesto per completare la formazione in “Score Programming” e “Virtual Orchestrator”?
Dipende dalla propria preparazione di base e dal tempo che ci si dedica.

Iscriviti alla newsletter

Cliccando su "Iscriviti" accetti la Privacy Policy (consultabile qui) e accetti di ricevere la newsletter di tutorial Video.IT.
Potrai cancellarti in qualsiasi momento tramite apposito il link presente sulla newsletter stessa.